Consiglio regionale del Lazio

E’ stato approvato il Piano Rifiuti 2019/2025 della Regione Lazio. L’atto approvato nella seduta del 5 agosto prevede una riduzione della produzione dei rifiuti, il sostegno alla raccolta differenziata, l’equilibrio impiantistico e lo sviluppo dell’economia circolare. Il Lazio si dota di un fondamentale strumento di pianificazione, con l’obiettivo  di mettere in sicurezza l’intero ciclo dei rifiuti nella regione, garantendo maggiore efficacia e produttività, nel nome della legalità e della sostenibilità ambientale. Grazie a questo nuovo piano tutti i Comuni hanno i mezzi necessari per realizzare, in tempi determinati, le opere utili alla chiusura del ciclo dei rifiuti. Accolto anche il principio dell’autosufficienza di ciascun ambito individuato che dovrebbe corrispondere ad ogni singola provincia. Per quanto riguarda il territorio pontino è stato approvato un emendamento firmato dal consigliere del Pd Salvatore La Penna e da Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti, che accoglie il principio secondo il quale nella localizzazione dei nuovi impianti di ciascun Ambito Territoriale è necessario garantire un criterio di omogeneità territoriale, in modo da non determinare carichi ambientali eccessivi laddove la capacità di trattamento degli impianti soddisfi il fabbisogno dell’intero Ambito. Hanno spiegato i due consigliere La Penna e Bonafoni:  “Crediamo sia un principio importante teso alla salvaguardia del territorio, in particolare modo dell’area di Aprilia e di un segmento rilevante dell’area nord della Provincia pontina. Questo principio tutela le comunità del Lazio, già gravate dalla presenza di una serie di impianti di trattamento e di smaltimento a servizio dell’intero ATO, proprio per non penalizzare e non gravare con ulteriori carichi ambientali su quei territori, chiamando tutti responsabilmente a fare la propria parte.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui