Approvato il bilancio consolidato a Itri

Il sindaco Antonio Fargiorgio

Nella giornata di lunedì 30 settembre si è svolto un Consiglio Comunale durante il quale la massima Assise del Comune di Itri ha approvato il bilancio consolidato e la variazione di bilancio, che erano due importantissimi punti all’odg. con 9 voti a favore, 3 contrari ed un astenuto. Un risultato che ha spento quei focolai che nelle ultime settimane avevano paventato delle fibrillazioni all’interno della maggioranza, voci che dipingevano già un futuro incerto per l’Amministrazione guidata dal Sindaco Fargiorgio, che, invece, si è dimostrata compatta dinanzi ad argomenti di grande importanza per il prosieguo del cammino verso la realizzazione di progetti fondamentali per la vita del paese. Il Sindaco, al momento, non ha voluto rilasciare dichiarazioni, ma si è subito rimesso al lavoro sugli obiettivi che la propria maggioranza andrà a realizzare nei prossimi mesi; su tutti, la videosorveglianza e l’impianto della pubblica illuminazione in località Cisternino, per il cui completamento si è resa appunto necessaria quella variazione di bilancio, squisitamente tecnica, cui qualcuno ha provato a dare una valenza ed un peso che essa non aveva. Salutato con grande soddisfazione anche il varo, deliberato all’unanimità, di una Conferenza Capigruppo che sarà eccezionalmente presieduta dal Sindaco e si occuperà della vicenda Calabretto, cercando di apportare idee, contributi e progetti che servano a creare le condizioni affinché possa portarsi a compimento, nei tempi e modi previsti dalla legge, il complesso procedimento di rimozione ed eventuale, successiva bonifica del sito. Sul punto, vi era stata una mozione firmata dal alcuni membri della minoranza, intesa alla costituzione di una commissione di inchiesta: tuttavia, in sede consiliare è stata raggiunta l’intesa per un Organismo che sicuramente è più partecipativo e rappresentativo delle diverse componenti politiche che animano la realtà itrana.  Un altro, importante traguardo al quale il Sindaco guarda con attenzione, all’indomani del passato Consiglio comunale, è l’avvio dell’iter finalizzato all’approvazione delle disposizioni attuative della Legge Regionale n. 7 del 18/07/2017 (“Rigenerazione Urbana e il Recupero edilizio”). Un progetto, quello di “rigenerazione urbana”, attraverso il quale saranno designati i programmi e le iniziative di recupero e riqualificazione del patrimonio immobiliare finalizzate a garantire qualità e sicurezza nell’abitare, sia dal punto di vista sociale che ambientale. Le norme proposte dalla Legge Regionale n. 7/2017 si applicano esclusivamente alle porzioni di territorio urbanizzate, su edifici esistenti e legittimamente realizzati e mirano a disciplinare, tra gli altri, sia gli interventi destinati al miglioramento sismico, sia quelli deputati all’efficientamento energetico. Saranno a tal riguardo avviati anche tavoli di confronto.  Attraverso questa misura, spiegano dall’Amministrazione, si intende ridare linfa al settore edilizio, che negli ultimi anni è stato colpito da una crisi senza precedenti.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *