Orlando Giovannone

Con la delibera di giunta n.270 del 18 settembre 2020 l’Amministrazione comunale di Formia ha dato seguito al “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e Amministrazione per la cura, la gestione condivisa e la rigenerazione dei beni comuni urbani del Comune di Formia”, individuando aree e spazi verdi da valorizzare e manutenere mediante patti di collaborazione. Sono trentasei le aree individuate su tutto il territorio comunale, tra rotatorie, aiuole, vasche e fioriere. Tali aree presenti in allegato alla deliberazione saranno oggetto di avviso pubblico, a cui potranno rispondere tutte le associazioni e i singoli che vorranno mettere a disposizione, a titolo spontaneo, volontario e gratuito le proprie energie, competenze e risorse per valorizzare e manutenere spazi a favore della comunità. Le proposte di collaborazione che perverranno verranno valutate in base alla fattibilità e alla rispondenza alle esigenze manutentive e di sostenibilità economica, e potranno avere la durata massima di tre anni. Ha sottolineato l’assessore alle Politiche Ambientali Orlando Giovannone: “ I patti di collaborazione sono uno strumento essenziale per permettere alla nostra comunità di crescere, sono tante le associazioni e i singoli cittadini che desiderano prendersi cura di aree della città per renderla più accogliente. Una gestione condivisa del territorio, affidata alle attenzioni di persone che vogliono manutenerla con costanza è un ottimo modo per riqualificarle e allo stesso tempo per responsabilizzare il cittadino stesso, che cura come se fosse suo uno spazio di cui può godere e vantarsi all’esterno tutta la comunità”. Bisogna dire che una iniziativa di questo genere, con l’allegato A che nella delibera in questione mette in eviudenza le aree che le persone o associaizoni o aziende possono prendere in carico, permette di evitare delle situazioni incresciose come quella di qualche anno fa quando l’azeinda ittica Purificato srl, ripulendo l’area della rotonda “Largo Caduti di Nassiriya”, ovvero la rotonada, ricevette una serie di critiche per il fatto che addobbò con delle luminare natalizie la stessa rotonda, determinado quasi una sollevazione di popolo. Certo, non bisogna esagerare con la presa in carico perché bisogna rispettare le regole che l’assessorato stabilirà per questa “adozione”, ma con la delibera in questione nessuno può eccepire parere contrario.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui