Cori

Nell’ultimo consiglio comunale di Cori è stato approvato all’unanimità il Piano del Colore, uno strumento urbanistico per riqualificare l’immagine della città, conservare e la tutelare il patrimonio edilizio per permettere la conseguente valorizzazione del paesaggio urbano.  In attesa dell’entrata in vigore del Piano Particolareggiato dei Centri Storici, strumento fondamentale per regolare e migliorare la qualità urbanistica dei singoli interventi, il Piano del Colore vuole regolamentare come le singole architetture si andranno trasformando concentrando l’attenzione sulla qualità degli interventi di manutenzione e di ristrutturazione edilizia che ogni giorno modificano il paesaggio urbano e indirizzando i progetti di recupero del patrimonio edilizio verso un’immagine coerente, unitaria e rappresentativa delle peculiarità delle tre differenti parti del centro storico: Cori Monte, Cori Valle e Giulianello. Hanno commentato il sindaco Mauro De Lillis e il delegato all’Urbanistica Elisa Massotti: “Siamo convinti che la conoscenza delle peculiarità urbanistiche e architettoniche sia l’elemento fondamentale per evitare l’omologazione che cancella la memoria storica. Interventi di ristrutturazione o di riqualificazione di immobili presenti nel centro storico, rispettosi del luogo in cui si trovano, non dipendono solo da norme urbanistiche puntuali, ma è necessario che i tecnici e i proprietari-committenti siano consapevoli di essere responsabili di una abitazione costruita magari sette secoli fa. Il compito del Piano del Colore sarà pertanto urbanistico e culturale ovvero: indicare in modo puntuale le regole da seguire per gli interventi edilizi e promuovere la conoscenza diffusa dell’enorme patrimonio storico di questi luoghi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui