Medico

E’ stato fatto un appello dal Partito Democratico di Latina ai vertici della Asl affinché sia trovata una soluzione per i 19 operatori sanitari che rischiano di perdere il lavoro. Il segretario provinciale Claudio Moscardelli e il responsabile della sanità Roberto Massiero hanno chiesto un incontro ai vertici aziendali per affrontare il problema dei precari che in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato loro sfavorevole non sono stati ricompresi nell’elenco del personale in possesso dei requisiti per la stabilizzazione diretta, senza l’espletamento di procedure concorsuali.  In primo grado il TAR aveva accolto i loro ricorsi, a differenza della gran parte dei ricorsi di tanti altri lavoratori che sono stati bocciati e proprio in forza di questa sentenza i 19 lavoratori non hanno partecipato al concorso per la stabilizzazione dei lavoratori che pur avendo i requisiti temporali non erano stati assunti a tempo determinato con procedura concorsuale.  La Asl di Latina ha visto riconosciute le proprie ragioni dal Consiglio di Stato secondo il quale i lavoratori non potevano essere stabilizzati direttamente e quindi avrebbero dovuto partecipare al concorso loro riservato e come conseguenza ora rischiano di essere licenziati. Hanno spiegato Moscardelli e Masiero: “Crediamo che possa essere individuato un percorso che dia a loro l’opportunità della stabilizzazione attraverso una procedura concorsuale riservata. Sono lavoratori che hanno i requisiti sostanziali per accedere alla stabilizzazione tramite procedura concorsuale riservata, non espletata a suo tempo perché coperti dalla sentenza di primo grado”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui