Logo

In un periodo come quello della pandemia, in corso che rende impossibile programmare eventi, finalmente il Premio COMEL Vanna Migliorin Arte Contemporanea ha i finalisti della sua ottava edizione intitolata Legami in Alluminio, che tratta un tema importante da salvaguardare la propria salute e quella dei propri cari dove si è dovuto mantenere le distanze: molti legami sono stati messi alla prova da distanze o convivenze forzate eppure mai come quest’anno ne abbiamo capito l’importanza.  Un po’ come l’alluminio che è un metallo che ama legarsi ad altri elementi, tanto che in natura non si trova mai solo.

Seguendo questo stimolo gli artisti di tutto il continente europeo sono stati chiamati a lavorare l’alluminio e ha iscriversi al concorso. Finalmente la giuria di esperti ha scelto le 13 opere che a loro parere risultano più rappresentative del tema e capaci di esaltare le qualità di questo metallo.

I 13 autori delle opere finaliste:

 Mariangela Calabrese – Italia, Alatri (FR) – installazione; 

Ana Celdrán Beltrán – Spagna, Murcia – scultura; 

Penelope Chiara Cocchi – Italia, Bologna – installazione; 

Michele D’Agostino – Italia, Monza Brianza – installazione; 

Gennaro De Martino – Italia, Napoli – installazione; 

Niko Kapa – Grecia/Gran Bretagna, Londra – scultura; 

Luciana Penna – Italia, Milano – scultura; 

Fabrizio Pedrali – Italia, Palazzuolo (BS) – installazione; 

Paolo Pompei – Italia, Pesaro Urbino – scultura; 

Rossella Restante – Italia, Roma – installazione; 

Mirella Saluzzo – Italia, Ravenna – installazione; T

he Bounty Killart – Italia, Torino – scultura;

 Marcello Trabucco – Italia, Latina – installazione.

Tredici artisti provenienti da tutta Italia e anche dall’estero: un dato significativo in questo periodo in cui non si può uscire nemmeno dal proprio comune di residenza, l’Arte avvicina, lancia ponti anche tra paesi lontani e diventa indispensabile quando non possiamo muoverci. Tra i tredici anche Marcello Trabucco artista di Latina: era dal 2016 che un artista pontino non veniva selezionato per partecipare alla mostra conclusiva del concorso internazionale.Per la mostra conclusiva, che di solito si tiene presso lo Spazio COMEL di Latina, ci sarà da aspettare. Organizzare in queto periodo un’ esposizione con opere e artisti provenienti da altre regioni e addirittura altri Paesi non è al momento possibile. Gli organizzatori non demordono e sperano di non prolungare questa edizione oltre il prossimo ottobre, nella speranza che le condizioni sanitarie ci consentano di visitare l’esposizione in tutta sicurezza e magari incontrare anche gli artisti. Solo alla conclusione della mostra si potrà conoscere il vincitore di questa ottava edizione, che sarà scelto tra i 13 finalisti dai cinque giurati: 

Giorgio Agnisola, critico d’arte e scrittore, docente di arte sacra presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale e presidente di giuria, 

Elena Pontiggia, critico d’arte, docente di Storia dell’arte contemporanea all’Accademia delle Belle Arti di Brera; 

Marcello Francolini critico d’arte, curatore indipendente, docente di Storia dell’arte Contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria; 

Vincenzo Lieto, curatore e direttore artistico della Pinacoteca di Gaeta (LT); l’imprenditrice e manager 

Maria Gabriella Mazzola titolare con la sua famiglia della CO.ME.L., unica azienda promotrice e sostenitrice del Premio COMEL

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui