ALCUNI PESCI POSSONO CAMBIARE SESSO IN MODO NATURALE

imgres Esistono parecchi animali che possono cambiare sesso, soprattutto i pesci, il fenomeno è chiamato dagli scienziati “ermafroditismo sequenziale”: piccoli Anthias, ad esempio, nascono femmina, solitamente di colore rosa o arancione tenue, ed alcune, le più grandi, possono trasformarsi in maschi, dal colore più brillante. Quando il maschio muore, la femmina più grossa lo sostituisce cambiando sesso: le ovaie degenerano e cominciano ad apparire i testicoli: in tal modo le giovani femmine, di modeste dimensioni, evitano competizioni che perderebbero sicuramente e solo quando la taglia glielo consente si trasformano in maschi, capaci di difendere l’harem e il territorio. Ciò accade anche ai pesci pappagallo, al pesce Napoleone e alle cernie che nascono femmine, ma intorno ai 10-15 anni diventano maschi. L’inversione sessuale può essere indotta sperimentalmente nei rospi: il maschio oltre ai testicoli, presenta un abbozzo di ovaia che torna funzionale se castrato, in questo caso sono le femmine ad avere dimensioni maggiori rispetto ai maschi. In termini evolutivi cambiare sesso offre un’opportunità maggiore di avere dei discendenti, l’individuo che dapprima presenta i caratteri di un genere, con il passare egli anni o per precisi effetti ambientali (ad esempio proporzioni diverse nel numero dei maschi e femmine all’interno della popolazione) li cambia. Oggi la pesca selettiva degli esemplari di taglia maggiore, ovvero i maschi, di fatto riduce seriamente la possibilità che la specie si riproduca.

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *