Carlo Cottarelli

Dopo il naufragio che ha subito Giuseppe Conte, ecco che arriva l’ennesimo governo del Presidente della Repubblica: Infatti questa volta è un ritorno a fare un incarico governativo dopo quello della Spending Review: si tratta di  Carlo Cottarelli, al quale Mattarella gli ha affidato l’incarico di formare il nuovo governo. Parlando alla stampa l’economista ha detto che “il Presidente gli ha chiesto di presentarsi in Parlamento con un programma che porti il Paese a nuove elezioni. Mi presenterò con un programma   che in caso di fiducia includa l’approvazione della legge bilancio e poi preveda lo scioglimento del Parlamento e elezioni nel 2019. In assenza di fiducia il governo si dimetterebbe immediatamente ed il suo compito è quello dell’ordinaria amministrazione per le elezioni dopo il mese di agosto. Il governo manterrebbe una neutralità completa rispetto al dibattito elettorale. Mi impegno a non candidarmi e chiederò lo stesso impegno a tutti i membri del futuro governo. Negli ultimi giorni sono aumentate le tensioni sui mercati finanziari, lo spread è aumentato, tuttavia l’economia italiana è in crescita e i conti pubblici rimangono sotto controllo. Un governo da me guidato assicurerebbe una gestione prudente dei nostri conti pubblici”. Cottarelli ha parlato anche dei rapporti con l’Europa:  “Il dialogo con la Ue in difesa dei nostri interessi è essenziale, deve essere un dialogo costruttivo, nel pieno riconoscimento del ruolo essenziale” dell’Italia ha affermato prima di confermare la “continua partecipazione all’area dell’euro”. Il conferimento dell’incarico a Cottarelli ha fatto retrocedere lo spread che aveva sfondato quota 220 punti dopo un avvio in calo rispetto alla chiusura di venerdì. Quota 220 non si vedeva dal gennaio del 2014.Ma sui  mercati la situazione rimane molto complicata.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui