Secchio

Uno sciopero che si svolgerà nella giornata di domani a Latina e i protagonisti saranno0 i lavoratori addetti alle pulizie nelle scuole pubbliche di Frosinone e di Latina dei confederali. Infatti si legge nella nota unitaria sindacale che “I lavoratori dei servizi di pulizie  e decoro continuano a subire procedure di mobilità, cambi di appalto, subappalti, mancati pagamenti e/o continui ritardi di stipendio, mentre le aziende continuano a beneficiare (molto spesso in proroga e/o in subappalto) dei soldi pubblici previsti dai capitolati di appalto. Questa situazione non è degna di un Paese civile e non è più sostenibile dai migliaia di lavoratori (soprattutto donne) utilizzati per svolgere tali servizi negli istituti pubblici. Per questo motivo Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltrasporti del Lazio hanno proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori in tutta la Regione Lazio. A questa già grave situazione si aggiunge la condizione ancora più grave delle centinaia di lavoratori appalti storici ed ex Lsu che operano nelle pulizie di tutti i plessi scolastici della provincia di Frosinone e Latina, già più volte denunciata. Circa 600 lavoratori, che in media percepiscono 500-600 euro al mese, vivono una situazione di grave precarietà per le erogazioni delle retribuzioni ritardate, decurtate o non pagate affatto, per la mancata consegna dei contratti di lavoro; per l’assenza degli adempimenti sulle norme di sicurezza; per l’utilizzo per i lavori di decoro di personale esterno.” La manifestazione si terrà il 27 ottobre dalle ore 9:00 a Roma davanti al Ministero, fino a che lo stesso Ministero non darà risposte adeguate.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui