Mezzi

Un uomo ha accoltellato il padre per difendere la madre durante una lite nella notte del 18 novembre ad Ardea dove i carabinieri hanno arrestato un giovanissimo di appena 16 anni. Secondo una primissima ricostruzione, il ragazzo è intervenuto proprio in difesa della mamma dopo aver assistito all’ennesima lite dei suoi genitori tra le mura domestiche. Ferito un uomo di 37 anni che, soccorso dai sanitari del 118, è trasportato in codice rosso presso l’ospedale Riuniti di Anzio-Nettuno dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico d’urgenza per l’asportazione della milza e dove è ricoverato in prognosi riservata Secondo quanto è stato accertato il giovane, primo dei tre figli della coppia, uno studente incensurato, è intervenuto durante l’ultima lite dei suoi genitori e, dopo aver impugnato un coltello da cucina, ha sferrato due fendenti all’addome del padre. Scattato l’allarme, insieme ai soccorsi sul posto sono intervenuti i carabinieri della Tenenza di Ardea ed una pattuglia della Stazione di Marina Tor San Lorenzo che, effettuando il sopralluogo all’interno dell’abitazione, hanno ricostruito la dinamica dei fatti: nel corso della lite, infatti, il 16enne, nel tentativo di difendere la madre mentre il marito l’aggrediva, è stato spinto dall’uomo con violenza contro una porta in vetro, mandandola in frantumi con la schiena. A quel punto il minorenne ha reagito impugnando il coltello ferendo il padre al fianco. Al termine degli accertamenti i militari hanno ascoltato la madre del minore la quale ha dichiarato che la sua famiglia sta vivendo una situazione familiare difficile a causa dei frequenti litigi e che non ha mai denunciato aggressioni o maltrattamenti subiti dal coniuge. I militari, dopo aver informato il magistrato di turno della Procura di Velletri, hanno arrestato il 16enne e lo hanno accompagnato presso il centro di prima accoglienza di Roma a disposizione dell’Autorità giudiziaria; dovra’ rispondere del reato di tentato omicidio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui