Accusato carrozziere di Prossedi per riciclaggio e falso

Polizia Stradale

E’ accusato di riciclaggio di autoveicoli, falsità materiale e falsità ideologica, ed è stato denunciato all’autorità giudiziaria un 49enne di Prossedi, al termine di un’attività di indagine condotta dalla squadra di polizia giudiziaria della polizia stradale di Latina diretta dal vicequestore Alfredo Magliozzi e coordinata dal sovrintendente capo Angelo De Luca.  In un’autorimessa di Prossedi gli investigatori hanno scoperto una serie di veicoli con il telaio falso, riprodotto con punzoni alfanumerici. Le indagini hanno dimostrato che il titolare acquistava documenti di circolazione esteri di vetture che erano destinate, in quei Paesi, alla rottamazione. Attraverso delle false fatture di acquisto simulava la loro importazione in Italia predisponendo le nazionalizzazioni presso l’Ispettorato della Motorizzazione ottenendo targhe e carte di circolazione italiane. Le attività di ispezione e controllo dell’area di Prossedi, che era adibita anche a carrozzeria, gommista ed elettrauto, hanno portato al sequestro dell’attività, delle attrezzature utilizzate e di 10 veicoli di media gamma, tra Fiat Panda, Alfa Romeo Mito e Fiat Dobò. Nello stesso contesto è stata elevata una sanzione amministrativa per circa 10mila euro. Il 49enne denunciato non avrebbe però agito da solo e attualmente sono in fase di identificazione altre persone che avrebbero agito in concorso.

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *