Polizia

L’appello fatto dal commissario Vice Questore Aurelio Metelli in un recentissimo convegno del 1 dicembre scorso al Comune di Formia ha sortito un effetto diverso, in quanto intorno all’una del 4 dicembre, in piazza Tommaso Testa, nella zona della movida del quartiere di Mola a Formia, secondo quanto è stato ricostruito dagli agenti di Polizia subito intervenuti, all’interno di uno dei locali della stessa zona (per futili motivi… probabile stappata di bottiglia, spumante che vola e reazione…) è stato accoltellato, in strada nella zona di Largo Paone, un giovane, alla spalla destra. Ferito e trasportato in sopedale, è stato dimesso con la prognosi del medico di dieci giorni, salvo complicazioni. Le indaginio sono ancora in corso e si stanno visionando le telecamere di videosorveglianza per essere più precisi nell’identificare il rpesunto responsabile del vile gesto. Intanto per la giornata del 5 dicembre il Prefetto di Latina Falco ha convocato una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza per discutere del caso con l’obiettivo di fare il punto, insieme alle forze dell’ordine e al primo cittadino, sulla sicurezza e sulle misure di prevenzione e controllo messe in campo in città, a partire dal funzionamento dell’impianto di videosorveglianza nelle zone critiche di Formia e nelle aree interessate dalla presenza di locali frequentati dai giovani. Il prefetto Falco ha convocato il sindaco Gianluca Taddeo insieme ai rappresentanti di polizia, Arma dei carabinieri, guardia di finanza. Led telecamere di sicurezza potrebbero essere fondamentali nella ricostruzione dei fatti e nell’identificazione dell’aggressore. Ma il segnale è alquanto preoccupante, perché sempre più giovani girano con armi da taglio in tasca e pronti ad usarle, come è avventuo il 16 febbraio del 2021 dove a perdere la vita è stato il giovane Romeo Bondanese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui