Abusivismo, liti, violenze e piromani: il movimentato Ferragosto degli uomini della Polizia di Stato

Polizia

Giornate di controlli intensi quelli che hanno effettuato gli agenti del Commissariato di P.S. di Formia con numerosi interventi effettuati tra Formia e Minturno. Il personale del Commissariato di P.S. di Formia ha impiegato numerose pattuglie tra le notti del 14 e 16 agosto, controllando più di 200 persone e 150 autoveicoli in transito sul territorio.

Nel corso dei servizi sono state elevate 20 contravvenzioni al Codice della Strada, e nel contempo sono stati realizzati controlli amministrativi su alcuni esercizi commerciali.

A Marina di Minturno due chioschi avevano installato attrezzature, tavolini e sedie, senza richiedere le relative autorizzazioni da parte del comune, occupando abusivamente la sede stradale. La Squadra Amministrativa del Commissariato di Formia ha elevato per entrambi una contravvenzione di oltre 5000 euro.

Altre contravvenzioni amministrative sono state elevate a carico dei gestori di alcune attività che non rispettavano le norme sanitarie.

Personale dell’Ufficio del Controllo del Territorio ha rilevato la presenza di una abusiva attività di campeggio in località Gianola di Formia; a riguardo, unitamente a personale della Polizia Locale, è stata fatta chiudere l’attività esercitata da una donna originaria di Formia, in quanto priva delle prescritte autorizzazioni. E’ stata inoltre elevata una contravvenzione di oltre 3.300 Euro e ordinato il ripristino dei luoghi.

La Squadra di Polizia Giudiziaria ha eseguito alcune perquisizioni domiciliari, nei confronti di pregiudicati che si trovavano in vacanza nel territorio in questo periodo di Ferragosto.

All’esito delle stesse sono stati emessi tre fogli di via obbligatori nei confronti di altrettanti campani che non avevano altro motivo di permanere se non per delinquere.

La Squadra Volante è altresì intervenuta per una richiesta da parte di un uomo per una lite.

Sul posto gli agenti della volante raccoglievano le dichiarazioni del richiedente, un settantenne di Formia con a carico qualche pregiudizio di polizia, il quale si lamentava del comportamento di una donna di origine senegalese da lui ospitata in qualità di badante. Nel corso degli accertamenti però emergeva una controversa vicenda di molestie e violenze che sarebbero sfociate in abuso sessuale ai danni della cittadina senegalese.

A riguardo si ponevano in essere tutti gli approfondimenti dettati dal caso, volti a riscontrare il contenuto di alcuni video registrati dalla donna che, a suo dire, avrebbero dimostrato le avvenute violenze ai suoi danni.

Un uomo di 69 anni è stato denunziato a piede libero per il reato di accensione abusiva di fuochi.

L’intervento seguiva l’immediata segnalazione fatta da un cittadino che avvisava della presenza di una persona che dopo aver dato fuoco ad alcune sterpaglie in zona Penitro si stava allontanando a bordo della propria autovettura di cui forniva il numero di targa.

Avvisate tutte le altre Forze dell’Ordine, il personale della Squadra Volante immediatamente si recava sul posto ove aveva modo di costatare che i Vigili del Fuoco stavano già operando per spegnere focolai di incendio.

Dopo una breve ricerca, mentre l’autore della segnalazione si recava presso la locale Compagnia dei Carabinieri per sporgere denunzia, gli Agenti del Commissariato rintracciavano il proprietario dell’autovettura segnalata, un uomo di Formia classe ’49, incensurato, che si è dichiarato estraneo ai fatti, ma che è stato denunziato all’Autorità Giudiziaria congiuntamente con i colleghi dell’Arma.

 

 

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *