Tamponi

Sono stati effettuati 410 tamponi e test sierologici a Bella Farnia dove ad attenderli c’erano il personale della Asl di Latina e le Uscar (Unità speciali di continuità assistenziale regionale). Un superlavoro dell’azienda sanitaria locale per effettuare lo screening sulla popolazione straniera, spesso “invisibile” e più esposta ai rischi.  Il risultato è che solo 12 cittadini indiani sono risultati positivi agli anticorpi del virus e sono stati di conseguenza sottoposti immediatamente al tampone. Per loro è stata disposta la quarantena obbligatoria nel proprio domicilio in attesa dei risultati dell’accertamento.  Le verifiche sanitarie su un numero di persone così consistente sono state possibili grazie al coinvolgimento dei capi della comunità che hanno lanciato un appello ai connazionali e diffuso i messaggi sul territorio. L’obiettivo è infatti quello di scongiurare il rischio di una diffusione del virus tra una popolazione numerosa e più complessa da monitorare. Ha commentato l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato: “E’ un dato importante  perché c’è stata una grande adesione della Comunità Sikh e i casi di sieroprevalenza rientrano in un tasso di circolazione coerente con la media regionale. Si dimostra così che i nuovi casi sono soprattutto quelli di importazionee non le comunità residenti nella nostra regione”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui