Segnaletica

Festeggiare la vittoria dell’ Italia contro la Spagna è costata carea alla cittadina di Priverno in quanto tra un carosello e un coro, la segnaletica stradale verticale sulla rotonda di Borgo Sant’Antonio è stata divelta e gettata in terra. Un episodio che non è passato inosservato e su cui hanno fatto luce i carabinieri della locale Stazione che sono riusciti ad identificare due giovani di 20 anni considerati i responsabili del gesto vandalico. I due ragazzi sono stati denunciati per danneggiamento aggravato in concorso e, secondo quanto emerso dagli accertamenti dei militari, hanno agito insieme ad una terza persona in via di identificazione. A riguardo è intervenuta anche Anna Maria Bilancia, il sindaco di Priverno, che ha fortemente condannato l’episodio: “A cosa serve festeggiare una vittoria della nostra Nazionale e sfasciare tutto? Il vandalismo e l’inciviltà  di coloro che compiono certi atti è esattamente il contrario dei valori su cui fondare una vittoria che dovrebbe unire tutti gli italiani. Distruggere il bene comune è  distruggere  la Nazione. Quindi chi lo ha fatto non ha diritto a  festeggiare  perché  non ha vinto niente se non tanta vergogna”. Nel pomeriggio c’è stato l’annuncio della stessa Bilancia del riposizionamento dei segnali stradali divelti: “I segnali sono stati riposizionati e speriamo che questo sia l’ultimo gesto di vandalismo e di inciviltà  subito dalla nostra comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui