Polizia

A Latina sono iniziati i tamponi nella mattinata del 29 luglio le procedure per effettuare i tamponi sui migranti arrivati nella tarda serata del 28 luglio nel capoluogo pontino e sistemati pressi i locali della ex Rossi Sud, alle porte della città. Gli stranieri, 57 in tutto, arrivano prevalentemente dalla Tunisia e sono sbarcati a Lampedusa. Il nuovo prefetto di Latina Maurizio Falco ha spiegato che la priorità è quella di fronteggiare un’eventuale emergenza sanitaria e sottoporre tutti a uno screening prima di distribuirli verso altre strutture dove potranno effettuare la quarantena. Il personale della Asl, dalle 9 del 29 luglio, ha allestito una postazione all’esterno dell’edificio dove sono stati accolti i cittadini stranieri. Entro il pomeriggio arriveranno i primi risultati e si deciderà come procedere. In caso di positivi, i sintomatici saranno ricoverati, gli asintomatici probabilmente trasferiti presso altre strutture. Nel caso invece in cui i test siano tutti negativi, i migranti saranno sistemati in altri centri per la quarantena, sotto stretta sorveglianza delle forze dell’ordine per evitare rischi di fuga. Tra di loro ci sono diversi minorenni e alcuni gruppi familiari. I locali dell’ex fabbrica di via dei Monti Lepini sono stati allestiti con le dotazioni minime: letti e beni di prima necessità per trascorrere la notte. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui