A Latina dal 13 luglio al 3 agosto la carta d’identità si fa anche di sabato mattina

Anagrafe

A Latina i 4 operatori che si sono trasferiti dal 17 giugno scorso dalla sede di Corso della Repubblica 118 a quella di via Ezio 36, sono tutti impiegati nel rilascio della carta d’identità. Ma oltre a loro, si è trasferito anche un quinto operatore che si occupa di certificati anagrafici ed autentiche, ma quest’ultimo servizio è comunque ancora disponibile nella sede di Corso della Repubblica perché assicurato dallo Sportello del Cittadino. Nei primi giorni a via Ezio c’è stato qualche disagio perché ai molti servizi già erogati da quegli uffici si sono aggiunte anche le carte di identità. Quando c’è un cambiamento è normale che accada, ma i dipendenti hanno saputo adattare subito le loro prestazioni alla nuova affluenza di pubblico. Ad ogni modo, l’ufficio di via Ezio è molto più confortevole di come è stato dipinto recentemente in alcuni articoli di stampa perché è dotato di eliminacode, all’ingresso c’è un’area di attesa con le sedie per aspettare il proprio turno e all’accoglienza due operatori forniscono informazioni agli utenti. Con il trasferimento dei 4 operatori dedicati al rilascio della carta d’identità è stato  implementato il servizio CIE (Carta d’Identità Elettronica) su prenotazione, per cui adesso è possibile prenotare un appuntamento dal lunedì al venerdì. Se qualcuno ha difficoltà a prenotare c’è anche un servizio di assistenza sia presso lo Sportello del Cittadino di Corso della Repubblica che negli uffici di via Ezio. Proprio per far fronte alla grande richiesta di rilascio delle carte d’identità di questo periodo, gli uffici di via Ezio 36 e di Borgo Sabotino saranno aperti anche il sabato mattina nei giorni 13, 20 e 27 luglio e 3 agosto, dalle ore 9 alle ore 12. Per ragioni tecniche verranno evase un massimo di 24 richieste e non è necessario prenotare un appuntamento. La scorsa settimana, sempre in via Ezio, sono stati avviati i lavori di realizzazione dell’archivio che dureranno al massimo 40 giorni con decorrenza dal 28 giugno. È stato chiuso il cantiere, completamente sigillato con regolari barriere che lo proteggono dall’accesso e dalla fuoriuscita di eventuali polveri di lavorazione. La realizzazione dell’archivio consentirà di ottimizzare gli spazi e di avere tutta la documentazione necessaria a portata di mano.Il vice sindaco Maria Paola Briganti ha affermato: “Voglio ringraziare calorosamente i dipendenti dei Servizi Demografici perché si sono fatti carico in maniera encomiabile della particolarità del momento, collaborando fattivamente per ridurre al minimo il disagio dell’utenza e operando con professionalità e dedizione.”

Articoli Correlati

- No Comments on this Post -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *