DAL RAPPORTO INDIPENDETE SUI CAMPI ELETTROMAGNETICI E DIFFUSIONE DEL 5G.

Alla cortese attenzione del Sindaco di……. e p.c. all’Assesore alla tutela della salute …….all’Assessore alle Politiche Ambientali……all’Assessore all’Urbanistica,,,,,, all’Assessore alla Innovazione tecnologica

Le scriviamo per sensibilizzarla sui potenziali gravi pericoli per la salute a cui sarebbero esposti i cittadini qualora questa amministrazione decidesse di istallare la rete 5G ( quinta generazione della telecomunicazione).
La rete 5G usa frequenze che vanno da 3,4 a 3,8 GHz in un secondo momento. di onde millimetriche (30 GHz), mai utilizzate finora su larga scala. Studi sperimentali condotti su animali esposti a onde millimetriche hanno evidenziato alterazioni della frequenza e del ritmo cardiaco, alterazioni del sistema immunitario, aumento dell’antibiotico-resistenza, cataratta, effetti teratogeni, danni a carico della cromatina, alterazione della espressione genica.
La tecnologia 5G aumenterà considerevolmente l’esposizione della popolazione alle radiofrequenze .c ome dettagliatamente documentato nelle edizioni del monumentale Bioinitiative Report (2007, 2012, 2014) centinaia di studi scientifici sottoposti a peer review, associano l’esposizione ai campi elettromagnetici artificiali (CEM) sia a bassa frequenza sia ad alta frequenza (
radiofrequenze, Microonde RF MO,) a tumori al cervello negli adulti e nei bambini; leucemia negli adulti e nei bambini; aumentato rischio di malattie degenerative come l’Alzheimer e la sclerosi laterale amiotrofica, tumore alla mammella, alterazione delle funzioni immunitarie ( che includono allergie e amplificata risposta infiammatoria), alterazione della funzionalità e del numero di spermatozoi.
Tali effetti si verificano a livello di esposizione di gran lunga inferiori ai limiti di legge , Studi recenti evidenziano che le esposizioni alle radiazioni usate nelle applicazioni WLAN/Wifi
(Wireless Local Area Network) provoca stress ossidativo, danno allo sperma e alle strutture cellulari dei testicoli, alterazioni neurologiche e modificazione bioelettrica del cervello, apoptosi, danni al DNA, alterazioni del sistema endocrino, massiccio afflusso di ioni calcio attraverso la membrana cellulare, ed anche disturbi dell’attenzione, della memoria e dell’apprendimento, causati dall’effetto citotossico.
L’Agenzia Europea per l’Ambiente afferma che i dati scientifici sulle RF non lasciano dubbi sulla opportunità di adottare il PRINCIPIO DI PRECAUZIONE; Anche il Consiglio d’Europa nella Risoluzione 1815 del 27 maggio 2011 appellandosi al principio di precauzione chiede agli stati membri di limitare l’esposizione della popolazione alle RF-CEM considerando come soggetti a rischio bambini, donne incinte e anziani.
La decisione di proseguire nell’implementazione di tale tecnologia e più in generale dei campi elettromagnetici locali verrà interpretata dallo scrivente e da quanti si faranno parte attiva come AGGRESSIONE alla integrità ed incolumità psicofisica e pertanto mi riservo fin d’ora di agire per legittima difesa della mia salute e di denunciare questi comportamenti alle sedi competenti perchè siano adottati i più opportuni provvedimenti in merito ai delitti che tale comportamento configura, tra i quali il dispregio e la inosservanza degli articoli della Costituzione Italiana.

Art.2 ” La
repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili ed inalienabili dell’uomo sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità , e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”
Art. 28″ I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici”,
Art, 32 “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di Legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”
In quanto la normativa attuale della Repubblica Italiana non tiene conto dei dati scientifici che impongono norme restrittive in materia di emissioni elettromagnetiche artificiali. In Italia abbiamo una sentenza del TAR del Lazio dei primi anni novanta che ribadisce per l’art. 32 ella Costituzione che la salvaguardia della salute pubblica abbia la precedenza rispetto all’art, 41 che riguarda la proprietà industriale- Riteniamo inoltre violati i seguenti articoli della Carta dei Diritti dell’Uomo:
ARTICOLO 1
Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti: Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.
ARTICOLO 2
Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciati nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione. Nessuna distinzione sarà in oltre stabilita sulla base dello statuto politico giuridico o internazionale del Paese o del territorio cui una persona appartiene, sia che tale Paese o Territorio sia indipendente o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o altra limitazione di sovranità.
ARTICOLO 3
ogni individuo ha diritto alla vita alla libertà ed alla sicurezza della propria persona.
Osserviamo in oltre come siano state disattese, per l’ennesima volta alcune norme fissate dalla
CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL’UNIONE EUROPEA: (Nizza 2000)
Art. 2
La Comunità ha il compito di promuovere uno sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche ed un elevato livello di protezione dell’ambiente ed il miglioramento della qualità di quest’ultimo.
Art.6
Le esigenze connesse con la tutela dell’ambiente debbono essere integrate nella definizione e nell’attuazione delle politiche e azioni comunitarie, in particolare nella prospettiva di promuovere lo sviluppo sostenibile.
Art 37
Un livello elevato di tutela dell’ambiente e il miglioramento della sua qualità devono essere integrati nelle politiche dell’Unione e conformemente al principio dello sviluppo sostenibile.
Ai sensi del D.Lgs 14 marzo 201, n 33 Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicià trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni
SU QALI BASI SCIENTIFICHE I COMUNI HANNO APPROVATO PIANI E PROGRAMMI CHE POSSONO AVERE EFFETTI SULL’AMBIENTE E SULLA SALUTE PJUBBLICA.
La invitiamo a prendere tutte le misure ragionevoli al fin e di fermare la diffusione della tecnologia 5G finchè non saranno effettuati studi attendibili e indipendenti anche per la PA, a non installare ulteriori hot-spot che aumenterebbero significativamente l’inquinamento elettromagnetico e di conseguenza , i danni alla salute; ad adottare misure di cautela al fine di limitare l’esposizione della popolazione alla RF E e invitare i DIRIGENTI SCOLASTICI DELLE SCUOLE DI SUA COMPETENZA AD UTILIZZARE RETI CABLATE PER IL COLLEGAMENTO A INTERNET.
Un eventuale ritardo ad assumere provvedimenti cautelativi in materia di campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde basati su quanto già si conosce in attesa di studi a lungo termine specifici, avrebbe una ricaduta ancora più grave sulla salute, di quanto abbiano avuto ritardi già verificatisi in passato come nel caso dell’amianto, del mercurio del benzene. Sarebbe economicamente giusto accertare il rischio e governarlo, piuttosto che correre ai ripari quando una tecnologia come quella del 5G si rivelasse pericolosa per la salute e per la sicurezza sociale in generale.

IN ATTESA DISTINTI SALUTI
I cittadini

FIRME

admin
Author: admin

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui