Stalking

Un ragazzo è stato collocato in una comunità di Roma, perché accusato di atti persecutori in concorso e lesioni personali aggravate. Il provvedimento emesso dal tribunale dei minori è stato eseguito nella giornata del 22 ottobre a carico di un 16enne residente nel capoluogo. Vittima era la sua ex fidanzata, 17enne, che aveva deciso di interrompere il rapporto a causa dell’atteggiamento sempre ostile e minaccioso del giovane.  Ma da quel momento il ragazzo aveva cominciato a farle telefonate e mandarle continui messaggi sui social e su whatsapp: minacce e vessazioni culminate con un’imboscata consumata in una pizzeria del capoluogo. In quell’occasione il 16enne si era presentato con un’altra persone e aveva aggredito la ex procurandole anche alcune lesioni giudicate guaribili in 15 giorni. Dopo questo episodio sono scattate le indagini della polizia che hanno ricostruito la vicenda e portato al provvedimento emesso a carico del minorenne.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui